Vai al contenuto
Home » Forum lesbico

Forum lesbico

Inter@genda

Il forum di elleXelle per discutere tra noi

ATTENZIONE: La registrazione automatica è attualmente disattivata. Per registrarvi, scrivete a: owner@ellexelle.it indicando il nick desiderato e la vostra email; vi verranno inviate le credenziali per accedere  al forum


Please or Registrati to create posts and topics.

Il punto di non ritorno

In ogni rapporto interpersonale:

Conoscenza Amicizia Amore

esiste per mia esperienza il punto di non ritorno. Succede cioè che un evento, qualsiasi esso sia, forse ultimo di una serie, crei inconsciamente o consciamente il punto di rottura. Tante volte ascoltando ho sentito ..." si è rotto qualcosa...". Io lo chiamo il punto del non ritorno. Non esiste più comunicazione....le parole pregresse sono state appallottolate dal nostro interlocutore/trice e gettate in cestini vari senza alcuna valenza.

Non si ascolta più nulla e la testa di pari passo con il cuore si prendono per mano e con valige più o meno grandi si allontanano senza pretese di sorta. Si circondano di silenzi, musiche e colori familiari.

Si sceglie semplicemente  senza giudicare o criticare, di allontanarsi fino a sparire completamente.

Ognuna sceglie per sé stessa.

Credo sia il decorso naturale di ogni rapporto in cui la maturità prevalga su tutto il resto.

Non ci sono né vinti né vincitori. Non ci sono gare a premi nei rapporti interpersonali.

Esiste a mio giudizio una varietà di modi di essere, di valori e quanto altro diversi. E ognuna è libera di creare la propria scala di priorità nella piena consapevolezza che non coincida con quella della persona con cui ci si sta rapportando che è libera perciò, nel totale rispetto reciproco, di scegliere altro di più consono ed attinente al proprio vivere, pensare, credere e amare.

Dopo tanto parlato ogni parola diventa inutile e futile. È troppo tardi per raccoglierli dai vari cestini in cui sono stati gettati per riprenderli e farli forse nostri. Con le persone e soprattutto con i loro sentimenti, qualsiasi essi siano, non si gioca. È triste parlare di offese alla propria intelligenza....ed è inutile recriminare o colpevolizzare se stesse in ciò in cui si è creduto. Si prende il buono e si conserva. Il resto rimane a chi non è stato in grado di fare altrimenti per indole  carattere, malattia o male consigli.

😉

 

 

Gli spiriti liberi non sono fatti per essere domati. Hanno bisogno di restare liberi finché non trovano qualcuno di altrettanto selvaggio con cui correre.

Sono d' accordo.  Parole inutili e futili, bastava dire "Ciao" con quel tono che tutte abbiamo sentito.