Emozioni

Considerazioni personali, idee, stati d'animo
vittua
Messaggi: 115
Iscritto il: 08/07/2016, 15:56

Re: Emozioni

Messaggio da vittua » 15/05/2018, 23:44

lalupaceltika ha scritto:
15/05/2018, 18:39
...
In sintesi, anche se il frullino e le vespe mi terrorizzano, mi sento un’impavida assaporatrice di gioia più coraggiosa di Conan il Barbaro.
[0cool] LLC
Bella la Lupa [0cuor]
Avatar utente
Aleanna
Messaggi: 31
Iscritto il: 04/05/2018, 16:25

Re: Emozioni

Messaggio da Aleanna » 16/05/2018, 7:00

vittua ha scritto:
15/05/2018, 23:44
lalupaceltika ha scritto:
15/05/2018, 18:39
...
In sintesi, anche se il frullino e le vespe mi terrorizzano, mi sento un’impavida assaporatrice di gioia più coraggiosa di Conan il Barbaro.
[0cool] LLC
Bella la Lupa [0cuor]
Si, sicuramente bella la Lupa... Però mi sembra che alla fine siamo tutte belle nel senso che la nostra fragilità, comunque, viene fuori: credo con sincerità che la cosa di cui abbiamo più bisogno sia un forte abbraccio. Sbaglio? [0cuor]
vittua
Messaggi: 115
Iscritto il: 08/07/2016, 15:56

Re: Emozioni

Messaggio da vittua » 16/05/2018, 9:50

Si, condivido. Che siamo tutte belle l'avevo pensato anche ieri notte dopo aver inviato il post. [0cuor]
Avatar utente
Aleanna
Messaggi: 31
Iscritto il: 04/05/2018, 16:25

Re: Emozioni

Messaggio da Aleanna » 16/05/2018, 16:08

vittua ha scritto:
16/05/2018, 9:50
Si, condivido. Che siamo tutte belle l'avevo pensato anche ieri notte dopo aver inviato il post. [0cuor]
[0cuor] [0cuor] [0cuor] [0cuor] [0cuor] [0cuor] [0cuor]
Avatar utente
briciolablu
Messaggi: 314
Iscritto il: 29/06/2016, 14:50

Re: Emozioni

Messaggio da briciolablu » 16/05/2018, 19:15

BlueRain ha scritto:
13/05/2018, 15:46
La parola "Emozione" deriva dal latino Emòtus, participio passato di emovère, che vuol dire trasportare fuori, smuovere, scuotere.
Le emozioni sono stati d'animo associati a stimoli interni o esterni.
In termini evolutivi, o darwiniani, la loro principale funzione consiste nel rendere più efficace la reazione dell'individuo a situazioni in cui si rende necessaria una risposta immediata ai fini della sopravvivenza, reazione che non utilizzi cioè processi cognitivi ed elaborazione cosciente.
Le emozioni rivestono anche una funzione relazionale (comunicazione agli altri delle proprie reazioni psicofisiologiche) e una funzione autoregolativa (comprensione delle proprie modificazioni psicofisiologiche).
Le emozioni primarie o di base, secondo una definizione di Robert Plutchik sono quattro (rabbia,paura,disgusto e tristezza) come nel bellissimo cartone della pixar inside out..Alle emozioni primarie seguono poi,quelle secondarie,decisamente più complesse..(per intenderci, facendo riferimento al cartone della pixar,le emozioni secondarie sono quelle per cui le biglie si coloravano con due colori diversi e assumevano il colore giallo e blu, ad esempio, quando la bambina ricordava un evento gioioso ma triste allo stesso momento)
Platone,invece, descriveva emozione e ragione come due cavalli che tirano in direzioni opposte..

L'emozione quindi, è in genere definita e riconosciuta come una risposta a uno stimolo che produce cambiamenti fisiologici e che motivano una persona ad agire.
In poche parole, le emozioni sono per la mente, l'equivalente di ciò che le sensazioni fisiche sono per il corpo.

C' è da dire,però,che al di là della "definizione universale" di ciò che sono le emozioni o di come vengono rappresentate nei cartoni animati o in letteratura,ognuno di noi ha sicuramente delle modalità di esprimerle e viverle differenti.
Non c'è un modo giusto o sbagliato,ci sono solamente modi diversi di far fronte a queste emozioni quando le vivi.

Personalmente sono una molto cauta,soprattutto quando mi capita qualcosa per cui essere, non dico felice, ma almeno contenta.
Ecco io quando mi capita qualcosa per cui essere felice riesco a mantenere un certo distacco perchè so che dietro l'angolo la sofferenza è li ad aspettarmi e so che devo pagarle il pedaggio.
Intervento ineccepibile come sempre. [0latodes] Ma di ciò che gli studiosi dicono al riguardo è di facile reperimento, condivisibile o meno. Ho aperto questo post per un confronto nel reale. Per ciò che abbiamo vissuto o viviamo al momento. Esperienza diretta del nostro vivere, del nostro quotidiano o meno.

Mi sembra costruttiva la Tua cautela, ma al contempo forse potrebbe privati di qualcosa.

Ma molto probabilmente anche io mi avvicino al Tuo modus operandi.


[0afr]
Avatar utente
briciolablu
Messaggi: 314
Iscritto il: 29/06/2016, 14:50

Re: Emozioni

Messaggio da briciolablu » 17/05/2018, 2:02

vittua ha scritto:
14/05/2018, 14:00




La fine del senso di “realtà” porta ad un nuovo inizio?
La vita è bipolare, ovvero caratterizzata da momenti euforici e depressivi?
Quando si muore ci si addormenta e si riposa?
Non credo esista la fine del senso di "realtà ", ma un semplice stato emotivo che ci porta a renderla in qualche modo vivibile e migliore questa "realtà ".

La vita è una continua altalena di momenti positivi e negativi. Non so se ti ricordi quel l'asse in cui ci sedeva alle estremità ed a turno si stava in alto o in basso. È un po una corsa ad ostacoli. A volte ci si sofferma quando l'ostacolo ci sembra invalicabile e poi senza sapere spesso come ci studiamo nell'averlo scavalcato.

Quando si viene meno a questa vita, voglio credere anche io che ci si riposi. Lo voglio credere per me, ma soprattutto per le persone che in questo mio percorso si sono "addormentate" quando invece egoisticamente le avrei volute ancora al mio fianco.


[0afr]
Avatar utente
briciolablu
Messaggi: 314
Iscritto il: 29/06/2016, 14:50

Re: Emozioni

Messaggio da briciolablu » 17/05/2018, 2:05

Athamantis ha scritto:
14/05/2018, 15:33

Razionalizzo il più possibile.
Non credo che sia sempre tutto razionalizzabile.


[0afr]
Avatar utente
briciolablu
Messaggi: 314
Iscritto il: 29/06/2016, 14:50

Re: Emozioni

Messaggio da briciolablu » 17/05/2018, 2:08

Aleanna ha scritto:
14/05/2018, 15:40
Ciao a tutte,
Ho letto con attenzione i vostri post e la domanda che mi viene spontanea è: perché?
Perché pensare che un' emozione - soprattutto se bella - debba essere per forza un mix di sensazioni positive e negative, quasi che la vita debba continuamente compensare la luce splendente con una dose corrispondente di polveroso buio?
Non è un pensare. È un vissuto. Esperienze di vita che molto probabilmente a Te non sono capitate di vivere.


[0afr]
Avatar utente
briciolablu
Messaggi: 314
Iscritto il: 29/06/2016, 14:50

Re: Emozioni

Messaggio da briciolablu » 17/05/2018, 2:12

UnGiornoCredi ha scritto:
14/05/2018, 21:23

Se devo dare un'immagine per descriverle mi viene in mente un mix di forme ,colori, odori, sapori più o meno in armonia o caos, ma che mi rimanda comunque a qualcosa di fluido, che dà calore e sostanza al nostro esistere, e che comunque si presenta in un insieme di sfumature. Ogni emozione ha sempre un suo opposto ,un rovescio della medaglia, la paura di chi ostenta forza, la tristezza di chi ostenta sorrisi, la serenità poco appariscente di chi non vuole darsi in pasto al mondo.
Difatti la rappresentazione delle emozioni è questa. La figura dell'essere umano variegata di ogni colore possibile ed immaginabile.

[0afr]
Avatar utente
briciolablu
Messaggi: 314
Iscritto il: 29/06/2016, 14:50

Re: Emozioni

Messaggio da briciolablu » 17/05/2018, 2:17

lalupaceltika ha scritto:
15/05/2018, 18:39

In sintesi, anche se il frullino e le vespe mi terrorizzano, mi sento un’impavida assaporatrice di gioia più coraggiosa di Conan il Barbaro.
[0cool] LLC

Penso, anche solo per sopravvivenza, questa sia una grande verità per tutte!

Grazie lupa.

[0afr]
Rispondi