Poesie

Considerazioni personali, idee, stati d'animo
Avatar utente
blu_note
Messaggi: 139
Iscritto il: 03/05/2018, 22:17

Re: Poesie

Messaggio da blu_note » 24/07/2019, 17:20

L’amore non è cieco. Basta un occhio
per vedere che non sei bello, oppure
quante donne lo sono. Vedo tutti
i tuoi difetti: gli occhi dilatati,
alta la fronte. Di principi estetici
sono troppo imbevuta, fin da piccola,
per poter liberare la mia mente,
dirti perfetto e amarti da morire.
Più sottile è il potere dell’amore:
ha tanta forza che dico “Non bello”
come dicessi “Non qua” o “Non là”
“distesa”, oppure “a scrivere una lettera”.
So cos’è il bello di cui tutti parlano;
ma mi chiedo se sia così importante.

Edna Millay St Vincent [read]

L’amore non è cieco (Crocetti, 2001), trad. it. S. Raffo
se il cuore è l'organo della vita, anche se io non ti tengo per mano, non ti vedo e non ti parlo, faccio molto di più, ti tengo nel cuore....io ti tengo nella mia vita. (Roversi)
Avatar utente
blu_note
Messaggi: 139
Iscritto il: 03/05/2018, 22:17

Re: Poesie

Messaggio da blu_note » 24/07/2019, 17:22

Il filosofo

Cosa sarai mai tu che ti desidero
da rimanere insonne tante notti
quanti i giorni che esistono
a piangere per te?

Cosa sarai mai tu che, se mi manchi,
nell’intreccio dei giorni io resto sempre
intenta al vento
e fissa alla parete?

Conosco un uomo di migliore tempra
e almeno venti altrettanto gentili.
Che cos’hai di speciale tu per essere
il solo che possieda la mia mente?

Le donne non ragionano, si sa –
lo dicono anche i saggi –
ed io che cosa sono, perché debba
amare in modo giusto e razionale?

Edna Millay St Vincent [read]
se il cuore è l'organo della vita, anche se io non ti tengo per mano, non ti vedo e non ti parlo, faccio molto di più, ti tengo nel cuore....io ti tengo nella mia vita. (Roversi)
Avatar utente
blu_note
Messaggi: 139
Iscritto il: 03/05/2018, 22:17

Re: Poesie

Messaggio da blu_note » 24/07/2019, 17:26

Quando mi lascerai tu, a me più caro
oggi d’ogni parola che io scriva,
né più sarai il guardiano del mio cuore
di cui sarà ridata a me la chiave –
e non sarai – come mi sembri ora –
il sole, da cui muove ogni splendore
in un cerchiato nimbo, né un infranto
raggio di luna che si tuffa in mare,
di questo istante mi ricorderò
e piangerò, come mi vedi ora,
la tua pena d’amore, come un fiore
timoroso di morte ma assonnato
che osserva un poco languido e sgomento
il vento in cui disperderà i suoi petali.

Da Edna St.Vincent Millay [read]
se il cuore è l'organo della vita, anche se io non ti tengo per mano, non ti vedo e non ti parlo, faccio molto di più, ti tengo nel cuore....io ti tengo nella mia vita. (Roversi)
Avatar utente
blu_note
Messaggi: 139
Iscritto il: 03/05/2018, 22:17

Re: Poesie

Messaggio da blu_note » 24/07/2019, 17:29

Quando tu sarai vecchia
(When you are old)

Quando tu sarai vecchia e grigia e sonnolenta,

Col capo tentennante accanto al fuoco, prenditi questo libro,

E lentamente leggilo, e sogna del tenero sguardo

Che gli occhi tuoi ebbero un tempo, e delle loro ombre

Profonde; quanti furono a amare i tuoi attimi

Di grazia felice, e quanti amarono, con falso o vero amore,

La tua bellezza; ma uno solo amò l’anima peregrina

Che era in te, e il dolore del tuo volto che muta.

Curva di fronte ai ceppi risplendenti mormora

Con lieve tristezza, come Amore fuggì, come percorse,

Passando, i monti che ci stanno alti sul capo,

E nascose il suo volto fra un nuvolo di stelle.

[read]
se il cuore è l'organo della vita, anche se io non ti tengo per mano, non ti vedo e non ti parlo, faccio molto di più, ti tengo nel cuore....io ti tengo nella mia vita. (Roversi)
Avatar utente
blu_note
Messaggi: 139
Iscritto il: 03/05/2018, 22:17

Re: Poesie

Messaggio da blu_note » 24/07/2019, 17:33

Io non ti dò il mio amore come fanno
le altre ragazze, in uno scrigno freddo
d’argento e perle, né ricco di gemme
rosse e turchesi, chiuso, senza chiave;
né in un nodo, e nemmeno in un anello
lavorato alla moda, con la scritta
‘semper fidelis’, dove si nasconde
un’insidia che ottenebra il cervello.
L’Amore a mano aperta, questo solo,
senza diademi, chiaro, inoffensivo:
come se ti portassi in un cappello
primule smosse, o mele nella gonna,
e ti chiamassi al modo dei bambini:
“Guarda che cos’ho qui! – Tutto per te”.

Edna Millay St Vincent [read]
se il cuore è l'organo della vita, anche se io non ti tengo per mano, non ti vedo e non ti parlo, faccio molto di più, ti tengo nel cuore....io ti tengo nella mia vita. (Roversi)
Avatar utente
blu_note
Messaggi: 139
Iscritto il: 03/05/2018, 22:17

Re: Poesie

Messaggio da blu_note » 24/07/2019, 17:50

Vorrei dirti le più profonde parole d’amore,
ma non oso, per timore che tu rida.
Ecco perché mi burlo di me stesso e del mio segreto.
Derido il mio dolore per paura che tu faccia lo stesso.

Vorrei dirti le parole più vere,
ma non oso, per paura che tu rida.
Ecco perché mento, dicendo il contrario
di quello che penso.
Rendo assurdo il mio dolore per paura che tu
faccia lo stesso.

Vorrei usare le parole più preziose
che ho riservato per te, ma non ne ho il coraggio;
temo che non si comprenda il loro valore.
Ecco perché ti parlo con durezza,
e vanto la mia forza brutale.

Ti faccio del male per paura che tu
non conosca mai cosa sia il soffrire.

Vorrei sedermi vicino a te in silenzio,
ma non ne ho il coraggio:
temo che il mio cuore mi salga alle labbra.
Ecco perché parlo stupidamente
e nascondo il mio cuore dietro le parole.

Tratto crudelmente il mio dolore
per paura che tu faccia lo stesso.

Rabindranath Tagore [read]
se il cuore è l'organo della vita, anche se io non ti tengo per mano, non ti vedo e non ti parlo, faccio molto di più, ti tengo nel cuore....io ti tengo nella mia vita. (Roversi)
Avatar utente
blu_note
Messaggi: 139
Iscritto il: 03/05/2018, 22:17

Re: Poesie

Messaggio da blu_note » 24/07/2019, 18:39

Edna St. Vincent Millay, L'infanzia è il regno in cui nessuno muore
L'infanzia non è un tempo della vita
che ha principio coi giochi e si conclude
quando, adulti oramai,ce ne disfiamo.
L'infanzia è il regno in cui nessuno muore.

Nessuno d'importante,si capisce.
Ci sono lontani parenti che muoiono,
che abbiamo visto solo per un'ora
e che ci regalarono dei dolci
in una scatola a strisce verdi e rosa,
o un coltellino,ma presto sparirono,
non puoi dire che siano stati " vivi".

E muoiono anche i gatti,che agitavano
la coda sul tappeto, il pelo reticente
all'improvviso scosso, percorso da pulci
che nessuno vi avrebbe immaginato,
lucente e bruno,i gatti che sapevano
tutto quello che c'è da sapere,
emigranti nel mondo dei vivi.
Tu prendi una scatola da scarpe,
che ora è troppo piccola per lui,
ne' puo' la' dentro raggomitalarsi:
ne prendi una piu' grande,lo seppelisci nel cortile, e piangi.

Ma non ti svegli dopo un mese o due,nel mezzo della notte,
ne' dopo un anno,ne' dopo due anni,
a piangere, mordendoti le dita, a gridare:" Mio Dio,mio Dio, mio Dio!".

L'infanzia è il regno dove nessuno d'importante muore-
madri e padri non muoiono.
E se tu hai detto: " Per l'amor del cielo,
devi proprio baciarmi di continuo?"
o " Vorrei tanto che smettessi di battere contro la finestra"
Domani o il giorno dopo ,in pieno gioco,
avrai il tempo per dire" Scusa,mamma".

Diventi adulta quando siedi a tavola
in compagnia di morti,
persone che non parlano e non sentono;
che non bevono il te', che pur dicevano
essere il primo dei piaceri umani.

Corri in cantina a prendere per loro
il vasetto piu' fresco di lamponi:
non li tenti.
Lusingali, allora: non abboccano.
Gridagli in faccia, alzati, arrossisci,
strappa alle sedie quelle palle rigide,
scuotile,strilla pure;
rimangono impassibili,nemmeno imbarazzati; scivolano solo
indietro sulla sedia.

Ora è freddo il tuo te'.
Lo bevi in piedi
e poi lasci la casa.

Edna St. Vincent Millay [read]
se il cuore è l'organo della vita, anche se io non ti tengo per mano, non ti vedo e non ti parlo, faccio molto di più, ti tengo nel cuore....io ti tengo nella mia vita. (Roversi)
Avatar utente
blu_note
Messaggi: 139
Iscritto il: 03/05/2018, 22:17

Re: Poesie

Messaggio da blu_note » 24/07/2019, 18:46

Edna St. Vincent Millay, L'infanzia è il regno in cui nessuno muore
L'infanzia non è un tempo della vita
che ha principio coi giochi e si conclude
quando, adulti oramai,ce ne disfiamo.
L'infanzia è il regno in cui nessuno muore.

Nessuno d'importante,si capisce.
Ci sono lontani parenti che muoiono,
che abbiamo visto solo per un'ora
e che ci regalarono dei dolci
in una scatola a strisce verdi e rosa,
o un coltellino,ma presto sparirono,
non puoi dire che siano stati " vivi".

E muoiono anche i gatti,che agitavano
la coda sul tappeto, il pelo reticente
all'improvviso scosso, percorso da pulci
che nessuno vi avrebbe immaginato,
lucente e bruno,i gatti che sapevano
tutto quello che c'è da sapere,
emigranti nel mondo dei vivi.
Tu prendi una scatola da scarpe,
che ora è troppo piccola per lui,
ne' puo' la' dentro raggomitalarsi:
ne prendi una piu' grande,lo seppelisci nel cortile, e piangi.

Ma non ti svegli dopo un mese o due,nel mezzo della notte,
ne' dopo un anno,ne' dopo due anni,
a piangere, mordendoti le dita, a gridare:" Mio Dio,mio Dio, mio Dio!".

L'infanzia è il regno dove nessuno d'importante muore-
madri e padri non muoiono.
E se tu hai detto: " Per l'amor del cielo,
devi proprio baciarmi di continuo?"
o " Vorrei tanto che smettessi di battere contro la finestra"
Domani o il giorno dopo ,in pieno gioco,
avrai il tempo per dire" Scusa,mamma".

Diventi adulta quando siedi a tavola
in compagnia di morti,
persone che non parlano e non sentono;
che non bevono il te', che pur dicevano
essere il primo dei piaceri umani.

Corri in cantina a prendere per loro
il vasetto piu' fresco di lamponi:
non li tenti.
Lusingali, allora: non abboccano.
Gridagli in faccia, alzati, arrossisci,
strappa alle sedie quelle palle rigide,
scuotile,strilla pure;
rimangono impassibili,nemmeno imbarazzati; scivolano solo
indietro sulla sedia.

Ora è freddo il tuo te'.
Lo bevi in piedi
e poi lasci la casa.

Edna St. Vincent Millay [read]
se il cuore è l'organo della vita, anche se io non ti tengo per mano, non ti vedo e non ti parlo, faccio molto di più, ti tengo nel cuore....io ti tengo nella mia vita. (Roversi)
Avatar utente
duecuori
Messaggi: 18
Iscritto il: 27/06/2016, 8:35

Re: Poesie

Messaggio da duecuori » 13/08/2019, 23:16

Ti lascio passeggiare un po' tra i miei pensieri

Ti lascio passeggiare un po’ tra i miei pensieri
non farti spaventare dal disordine
fa parte dell’arredamento.
Troverai qualche soldatino di guardia
fanno tanto i duri, ma in fondo vogliono solo una carezza.
Ti lasceranno entrare.
Paura e ansia non le guardare
sono due prime donne
non aspettano altro che farsi belle agli occhi delle novità
prosegui pure avanti, hanno poco da raccontarti.
Appena superata la curva della speranza
diciamo tra incoscienza e (s)ragione
lì potrai affacciarti ai miei desideri.
Vedi quelli in corsivo ?
Ecco, per loro ho scelto un vestito elegante.
Di quelli proibiti ho perso la chiave.
Ma non sono in prigione.
Già che ci sei, liberami un po’ di follia.
La notte urla e straparla
non mi lascia riposare.
La malinconia è sempre a leggere in disparte
un po’ per scelta un po’ per arte.
Sì, insomma, non cercare di fare ordine
l’ultima volta mi ci sono voluti due anni di analisi
per risistemare.
Puoi fermarti quanto vuoi, o restare a dormire
ma ricordati di baciarmi gli occhi
se deciderai di uscire.


Andrew Faber
... l'amore è condivisione, è ascolto dell'altrui silenzio che comunica...
Avatar utente
blu_note
Messaggi: 139
Iscritto il: 03/05/2018, 22:17

Re: Poesie

Messaggio da blu_note » 24/08/2019, 11:05

L’amore è un chirurgo senza esperienza: dimentica le farfalle nello stomaco, mette il cuore in gola, sposta la testa tra le nuvole!
Da web -
Buonanotte:)
Closed
se il cuore è l'organo della vita, anche se io non ti tengo per mano, non ti vedo e non ti parlo, faccio molto di più, ti tengo nel cuore....io ti tengo nella mia vita. (Roversi)
Rispondi